Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Come è andata la scuola?

Ti piacevano gli elefanti, ne avevi a decine, di tutte le dimensioni, con le orecchie grandi come deltaplani, con le zanne e senza, conoscevi la differenza tra gli enormi pachidermi africani e quelli indiani. Li allineavi sul tappeto, sul pavimento, sul letto e diventavi il condottiero  in immaginarie battaglie in luoghi esotici e lontani. Poi di elefanti ne hai visti molti e da vicino – qualche anno dopo in Africa - ma non ti interessavano già più,  eri intrigato dai ghepardi, dai leoni, animali agili, scattanti, padroni della savana e quei mansueti, mastodontici pachidermi ai tuoi occhi avevano perso il fascino di quando eri piccolo. Di quegli anni ti è rimasta la passione per i viaggi e per l'Africa e chissà che un giorno non ti capiti come a Riccardo – che tu hai anche conosciuto - che si è preso il mal d'Africa ed è scappato dalle interminabili e grigie notti nella redazione di via Solferino ed ora si addormenta nel blu indaco del Masai Mara circondato dai suoi pastori guerrieri.

Poi ci sono stati tanti primi giorni, tante prime volte, groppi in gola, zaino in spalla, mani sudaticce e farfalle nello stomaco, facce che sorridono, bimbi che piangono, maestre che si commuovono pensando alle prime volte che si  mescolano con le ultime perchè andranno in pensione e sarà la fine del loro viaggio nelle vite degli altri. Ci sono stati i giorni degli accompagnamenti a distanza, giusto prima dell'angolo,  e alla fine nemmeno più quelli perchè a scuola si va più o meno da soli, in una carovana che s'allarga quanto più la scuola si avvicina, una tribù in scarpe da ginnastica e jeans a vita bassa.   

Nei giorni e negli  inizi che si accumulano, che mutano e che nel ricordo si confondono, quello che resta -identico, immutabile – è il mantra rassicuratore, il rito di passaggio da una giornata all'altra, il canto del muezzin madre-figlio: "come-è-andata-oggi-la-scuola-beneche-cosa-avete-fattoniente".  

  • Pierpaolo |

    Nostalgia?
    (e ti confermo che il mantra, da una generazione all’altra, non è cambiato. I miei a quattro anni già lo conoscono bene!)

  Post Precedente
Post Successivo