Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

In Inghilterra! In Inghilterra!

Tennis in Florida, vela alle Galapagos, rafting lungo il Rio delle Amazzoni? Oppure, in fin dei conti,  non sarà forse meglio la cara, vecchia Inghilterra, con i suoi riti di passaggio, il college dove mangeranno poco e male (ma tornerano mollicci e  flaccidi come il porridge), i furtarelli da Fortnum&Mason e la gita a Cambridge? Per non dire di quello che succederà un sabato o una domenica – che non sarà mica un sabato o una domenica qualunque, sarà quel sabato e quella domenica che ricorderanno per una vita - a pomiciare davanti al mare limaccioso e la sabbia ferrigna con la coetanea (o il coetaneo) di Torino, di Stoccolma, di Barcellona…C'è chi dice no e no e poi ancora no. Ma, alla fine, dice sì.  Ed è proprio ora, in questo momento, in queste giornate primaverili in cui tutto si organizza e si decide, che risponde alla mail della prof d'inglese, alla telefonata della mamma del compagno di classe e melanconicamente redige quell'assegno non insignificante (tra i 1.500 e i 3.000 euro) per spedirli via, lontano. In un altrove geografico dove non li sveglierà malmostosi alle due del pomeriggio, non li staccherà con la roncola dalla playstation come patelle allo scoglio, non salderà schiumante di rabbia il conto astronomico del bar dello stabilimento balneare,  non intercetterà fuggevolmente il loro sguardo vuoto, perduto. Perchè Alain de Botton avrà pure ragione a dire che bisogna farli annoiare questi ragazzi, come scrive su La Repubblica. Ma ci ha provato - lui – ad averli ciondolanti e sbuffanti tra i piedi per tredici-settimane-tredici in bermuda, hot pants e giapponesine?!?  

  • mi |

    Belli i camp, e sicuramente belle esperienze, ma ribadisco il discorso ok 15/30 giorni di vacanze, ma noi saimo a 3 mesi estivi + 15 a Pasqua e 15 a Natale sono 4 mesi di VACANZE!!!! Se non hai parenti, e una settimana di campo estivo costa in media + di 100 euro e hai + di un figlio….mi spiegate come ci arrangiamo….perchè non guardiamo la Germania, e tutti i paesi europei che gestiscono la scuola con maggior criterio…gli insegnanti sempre a lamentarsi del loro stipendio…intanto d’estate pagati fanno vacanze, danno ripetizione (fattura???) e non hanno problemi a gestirsi i figli…scusate!!!

  • Francesca Barbiero |

    @mi hai ragione, quanta paura che abbiamo di lasciarli andare da soli. Rispondo anche a @pierpaolo: si comuncia prestissimo, soprattutto negli Usa dove i genitori hanno vacanze brevissime e i bambini vanno in quei camp superspartani davanti al fiume o al lago con falò serale he abbiamo visto in tanti film (uno dei più famosi si chiama Robin Hood ed è nel Maine). In Inghilterra il contesto è un po’ più esclusivo se si parla di college e un po’ più smandrappato nel caso dei daycamp come Camp Beaumont (se vuoi farci una navigata vedrai il genere)

  • mi |

    ma lui li avrà solo il mese di luglio ciondolanti, dove magari avrà pianificato anche 15 giorni di vacanze insieme…..
    Paola, hai ragione, bei tempi le vacanze a ciondolare in mezzo ai campi o sugli alberi o a giocare a rella….ma se adesso per la paura che spariscano non li mandiamo a nenche a prendere un gelato da soli…..

  • Pierpaolo |

    Credo che i figlioli del buon filosofo siano ancora piccoli per i campus, 6 e 8.
    A che età si inizia con queste esperienze?

  • Francesca Barbiero |

    La domanda è: che faranno quest’estate i figli di Alain de Botton, quando a luglio le scuole chiuderanno persino in Inghilterra? Mentre il papà scrive e legge nella casa di West London anelando silenzio e concentrazione, guarderanno Disney Channel spiaggiati sul divano in salotto? Oppure sono stati iscritti anche loro a qualche camp estivo?

  Post Precedente
Post Successivo